Idrostatica

Ricerca & Sviluppo

E’ da 50 anni che Linde Material Handling ha registrato il proprio brevetto per la trasmissione idrostatica. Il principio è tanto semplice quanto efficace: a differenza di una trasmissione meccanica, il motore termico comanda una pompa idraulica. La doppia pedaliera assicura il movimento fluido del carrello elevatore. Se i pedali vengono rilasciati, il veicolo si ferma: l’azionamento del freno risulta superfluo.
La pressione dell’olio trasferisce la potenza tramite i motori idraulici direttamente alle ruote di trazione. Di conseguenza differenziale, frizione e riduttori sono superflui.

idrostatica - fork lift srl carrelli elevatori muletti linde

Vantaggi per l’uomo
La trasmissione idrostatica semplifica la movimentazione: il carrello elevatore reagisce in modo preciso ad ogni comando; può essere azionato con estrema fluidità anche in presenza di ostacoli e pendenze e può essere agevolmente indirizzato in avanti o indietro grazie alla doppia pedaliera Linde. E poiché il carrello si arresta idrostaticamente, non c’è la necessità di avere un impianto frenante tradizionale, evitando così la produzione di polveri fini durante la frenatura.

Vantaggi per l’ambiente
Nel caso di trasmissione idrostatica, non sono necessari riduttori, differenziale, freni e frizione. Ciò preserva le risorse. La produzione di polveri sottili generate dal consumo dei freni e la presenza degli oli per i ruotismi viene totalmente eliminata.
Inoltre, il grado di efficienza della trasmissione idrostatica è del 90%, mentre per esempio un motore diesel arriva solo al 45%, a tutto vantaggio dell’efficienza energetica.

Ne vale la pena?
Gli operatori possono incrementare la loro efficienza operativa del 20% grazie all’intervento del Linde Load Control (joystick per le funzioni del montante) e alla doppia pedaliera Linde.
Oltre a ciò va considerato che grazie alla trasmissione idrostatica, i costi di esercizio si abbassano notevolmente. Si risparmia fino al 30% di carburante ed è necessario un cambio d’olio solo ogni 6.000 ore di esericizio. Il grado di efficienza ammonta al 90%, mentre l’usura delle gomme viene dimezzata. Il valore residuo del carrello, grazie alla propria efficienza, aumenta fino al 15%.